"Alla Ricerca di Dio", il libro-capolavoro di Paolo Franceschetti

"Alla Ricerca di Dio", il libro-capolavoro di Paolo Franceschetti
.
Un altro eccezionale libro è finalmente nelle librerie italiane - sancendo così l’inizio di una proficua e preziosa collaborazione con la nostra casa editrice e lo scrittore e ricercatore Paolo Franceschetti - “Alla Ricerca di Dio. Dalla Religione ai Maestri Contemporanei”, un testo unico, fondamentale e prezioso per comprendere la natura più vera ed intrinseca delle maggiori religioni della Terra, sino ad arrivare a comprendere la filosofia e la missione di vita dei grandi maestri che hanno operato tra il XIX e il XXI secolo. Paolo Franceschetti, avvocato, docente di materie giuridiche, ha pubblicato libri e articoli in materia giuridica (diritto civile, diritto penale e diritto amministrativo), per poi specializzarsi dapprima come legale nel settore dei delitti esoterici e approfondire l’influenza della Chiesa Cattolica nella storia contemporanea e passata, occupandosi per un periodo della sua vita dei delitti del Mostro di Firenze e delle Bestie di Satana, per poi iniziare uno studio approfondito delle dinamiche pratiche, sociali ed esoteriche di alcuni delitti di matrice massonica o cattolica. Successivamente ha volto il suo sguardo verso una visione più interiore, introspettiva e più spirituale della vita, interessandosi di tematiche umanistiche di ben più ampia portata. Ha pubblicato per Uno Editori «Sistema Massonico e Ordine della Rosa Rossa», trilogia che descrive il ruolo della Massoneria e delle religioni nel sistema contemporaneo. Di seguito la prefazione tratta dal Libro di prossima uscita: “Ogni religione del mondo e ogni maestro spirituale, ha sempre riconosciuto che non esiste una religione migliore delle altre, ma che tutte costituiscono delle strade diverse, per arrivare alla medesima meta. Il Corano dice esplicitamente che se Dio avesse voluto che per arrivare a lui esistesse un’unica strada, ne avrebbe creata una sola. Nell’induismo il principio della discendenza di tutte le religioni da un’unica “religione universale” è addirittura uno dei sei principi fondamentali. L’ebraismo ha tra i suoi miti quello della ricostruzione del Tempio di Gerusalemme, che è il simbolo della pace tra le nazioni e tra le religioni. Il Buddismo non si è mai occupato di Dio, ritenendo che ognuno debba avere una sua visione personale, e che solo nella sua fase finale, quella del Nirvana, giungerà alla comprensione di Dio, che è inesprimibile a parole. Solo il Cristianesimo di Pietro e Paolo (non però quello esoterico, come vedremo) ha affermato di essere l’unica vera religione, il che ha reso impossibile per secoli, nei paesi di estrazione cattolica e protestante, uno studio comparato delle religioni che permettesse una comprensione reale, profonda, dei principi spirituali alla base di tutte le tradizioni. Fino al 1965 i cattolici avevano accesso con difficoltà addirittura ai testi sacri del Cristianesimo essendo stata proibita per secoli ai fedeli la lettura diretta dell’Antico Testamento e del Nuovo Testamento. Nelle nazioni con radici protestanti si poteva avere accesso alla Bibbia, ma non ai testi sacri dell’induismo, del buddismo, per non parlare di quelli islamici ed ebraici. Per questo motivo ancora oggi, in Europa e negli Usa, le masse hanno una falsa rappresentazione della realtà religiosa altrui, e credono che l’Islam sia intollerante, che il popolo ebraico si senta eletto da Dio e quindi superiore a tutti, che il buddismo predichi l’annichilimento e il nulla come meta finale, e che l’induismo sia arretrato e selvaggio perché adora le vacche e crede nella “superata dottrina della reincarnazione”. Questo testo vuol essere un tentativo di far capire le varie religioni dal punto di vista spirituale, cercando di chiarire per ogni culto il concetto di Dio, quello di anima, il senso della vita e della morte, nonché la spiegazione del male. In compenso eviteremo gli aspetti formali cioè la spiegazione dei riti, il modo di mangiare, e le festività, dettagli del tutto inutili per penetrare nel cuore di una tradizione spirituale. Se i libri fino ad oggi in commercio di religioni comparate, salvo qualche eccezione, avevano come effetto quello di non far capire il nucleo delle altre tradizioni, e soprattutto quello di allontanare il lettore dalla voglia di avvicinarsi alla religione, l’obiettivo di questo libro è che, a fine lettura, si ami l’Islam, l’ebraismo, l’induismo, il buddismo, il cristianesimo, e il lettore possa iniziare, o approfondire, un proprio percorso spirituale, nella consapevolezza che la meta finale è uguale per tutti perché, come ha detto uno dei tanti personaggi che il potere costituito ha condannato a morte da innocente, durante il processo: “andiamo tutti nello stesso posto”. Condanna a morte che, ad oggi, è stata riservata a tutti i grandi maestri spirituali della terra. Pochi sanno infatti, che se Gesù è stato crocifisso, Maometto venne avvelenato, Budda venne avvelenato, ma furono uccisi anche molti altri maestri spirituali: Socrate venne processato e dovette bere la cicuta; Steiner venne avvelenato; Osho venne avvelenato; Al Hallaj venne crocifisso; Gandhi venne assassinato; Giordano Bruno fu messo al rogo e la lista potrebbe continuare. Perché la spiritualità, l’elevazione dell’umanità e delle coscienze, sono sempre state le cose che il potere, in tutti i tempi, ha temuto di più. Il libro è quindi concepito come una panoramica delle varie religioni dal punto di vista spirituale (e quindi ogni religione può anche essere letta separatamente dalle altre), ma allo stesso tempo come un cammino spirituale che ciascuno può effettuare per capire e meditare sui concetti di Dio, anima, reincarnazione, e sul perché esiste il male nel mondo. Attraversando le spiegazioni che ciascuna religione offre a questi importanti e fondamentali concetti spirituali, il lettore viene guidato a meditare e approfondire questi aspetti dell’esistenza; nel capitolo sulla spiritualità contemporanea, poi, viene offerta una panoramica di autori, testi e concetti, su cui il lettore potrà concentrarsi per approfondire un proprio percorso spirituale. Esso ha quindi la pretesa di far conoscere e amare le religioni diverse dalla propria, o approfondire alcuni concetti inerenti alla propria fede di appartenenza, ma al tempo stesso fornire una sorta di panoramica spirituale per coloro che vogliono cimentarsi in un percorso personale, al di fuori dei percorsi obbligati dei culti tradizionali. Per la prima volta in un testo di religioni comparate vengono poi presentati alcuni aspetti poco conosciuti: ad esempio, per il cristianesimo, la lotta tra cristianesimo cattolico e cristianesimo esoterico, di stampo giovannita, da cui nascono il templarismo, il rosacrocianesimo e poi la massoneria, e si ricollocano nella loro giusta dimensione grandi maestri come Steiner, Scaligero, Osho, Yogananda, ma anche personaggi come Maria Maddalena, san Francesco e san Benedetto e si dà conto dei vari studi sorti in questi anni attorno alla figura di Cristo; nell’Ebraismo si darà ampio spazio al misticismo ebraico e alla cabala, mentre nell’Islam verrà dato ampio spazio al sufismo, per dimostrare come, per quanto riguarda i principali concetti spirituali, tutte le religioni si toccano al vertice per portare un identico messaggio di pace, armonia, tolleranza.”
.
Tutte le verità sono già state dette. Ve le ho dette tutte, fin dal principio dei tempi. Vi ho mandato un maestro dietro l’altro, ma voi non li ascoltate. Li uccidete. Li uccidete perché si contrappongono ad ogni pensiero voi nutriate che mi rinneghi. E dovete negare me, se non volete negare il vostro io.” (Conversazioni con Dio, Neale Donald Walsch)
.
Per informazioni e acquisti: CLICCA QUI 

Commenti