"Tecniche di Respirazione" di Bellini / Guerrucci

spiritualità meditazione respiro soffio
.
Nei polmoni risiede il soffio vitale. Lo studio e la pratica della respirazione richiedono tempo, perché ci siamo dimenticati di qualsiasi forma di consapevolezza della respirazione, possiamo respirare facendo fare ciò che desideriamo, oppure ignorarlo lasciando che il corpo inizi istintivamente a farlo da solo...
.
Dobbiamo riportare al nostro stato di consapevolezza un’intera area di noi stessi che avevamo rimosso. Esercizi come la respirazione addominale, la visualizzazione ed il controllo mentale della respirazione daranno il risveglio di un’intera parte di noi, di un aspetto completamente nuovo del nostro esistere di cui non c’eravamo mai resi conto. Gli orientali hanno sempre accentuato il valore delle respirazioni profonde non solo come un grande aiuto spirituale nella cultura del sé, ma anche quale valido coadiuvante per la salute e la longevità. Saper respirare significa controllare le proprie emozioni e paure, mantenendo una mente lucida e pronta; ecco perché oggi molte discipline dedicano attenzione alla respirazione e la utilizzano per trovare una migliore sintonia con il proprio corpo. Il concetto di respirazione ha un significato molto più esteso in Oriente che non in Occidente, dal momento che comprende non soltanto il processo di riempimento dei polmoni d’aria e l’espulsione di anidride carbonica e di altri residui, bensì anche la trasmissione dell’ossigeno e delle sue proprietà a tutti i tessuti del corpo attraverso il sangue. Una corretta respirazione deve essere effettuata con tutto il polmone. Molto spesso invece al giorno d'oggi si utilizza solo una parte dei polmoni, quella alta. Lasciando inutilizzata la parte più bassa si riduce la ventilazione e gli effetti benefici della respirazione che sono, come universalmente risaputo, l'ossigenazione del sangue e quindi di tutto il corpo. Regolare il respiro significa giungere a una respirazione priva di un controllo consapevole, nelle arti orientali sono diversi i tipi di respirazione, ma principalmente se ne possono descrivere tre: la (1) respirazione con le narici, la (2) respirazione con la bocca e le narici e la (3) respirazione addominale.
.
1) Nella respirazione con le narici, la bocca è chiusa e sia l’inspirazione che l’espirazione avvengono attraverso il naso. Si ricorre in genere a questa tecnica quando si ha l’obiettivo di calmare la mente. È una respirazione docile e lenta.
.
2) Nella respirazione con le narici e la bocca, la bocca rimane chiusa durante l’inspirazione e l’aria entra attraverso il naso, mentre nell’espirazione esce dalla bocca. Si ricorre a questo metodo durante il rafforzamento la ricerca di un rafforzamento equilibrato del corpo umano.
.
3) La respirazione addominale è quella più profonda e l’intero tronco del corpo ne è coinvolto. Essa richiede un’intensa attività del diaframma. Gli organi interni devono, inoltre, essere sufficientemente flessibili per non ostacolare il diaframma quando esercita una forte pressione per spingere l’aria nell’addome. Questa forma di respirazione dovrebbe essere naturale e non richiedere sforzo. Nelle fasi iniziali, si può focalizzare il movimento del respiro, a volte contando le inspirazioni e le espirazioni, altre volte concentrandosi semplicemente su di esse.
.
Tutte queste semplici tecniche di respirazione possono essere utilizzate ogni giorno, per il tempo necessario che ognuno avvertirà dentro di se e senza limitazione alcuna, facendo attenzione a non oltrepassare i limiti del proprio corpo. L’aspetto essenziale di una corretta tecnica di respirazione, è che l’aria inalata sia spinta non soltanto fino ai polmoni, bensì giù nell’addome. Tutti i più avanzati metodi per far circolare l’energia purificata richiedono l’abilità di concentrare il respiro nella regione addominale bassa, abilità che può essere sviluppata con la meditazione. Il sangue viene reso più ricco di ossigeno, non tanto nel momento preciso dell’applicazione della tecnica, quanto durante tutta la giornata, poiché la respirazione normale viene stimolata e resa più proficua per un periodo di circa 24 ore. Il sangue risulta migliorato in qualità e quantità, nutre più adeguatamente l’intero organismo, specialmente il cervello, la spina dorsale, nervi relativi e quelli spinali, con notevole vantaggio di tutto il corpo che viene mantenuto sano, forte e giovane. L’eccezionale influenza della respirazione sul sistema nervoso ed endocrino (le respirazioni lente e profonde è noto hanno un effetto sedativo) creano l’armonia necessaria alla salute. È stato osservato che più le respirazioni controllate sono lente e più facilitano l’acume, la visione e la creazione della mente ed eliminano con la pratica la tendenza all’agitazione psichica.
.
il grande libro della meditazione ambra guerrucci federico bellini risveglio edizioni
Autori: Ambra Guerrucci e Federico Bellini
Titolo: "Il Grande Libro della Meditazione"
Editore: Risveglio Edizioni
Data pubblicazione: 2015
Formato: Libro 14,80x21
Pagine: 300
Prezzo: n/p

Commenti